Prodotti | Sistemi decorativi CapaD... | Tessuti decorativi | Capaver Glasgewebe Plus

Capaver Glasgewebe Plus

Tessuti d’arredo classici (K), impregnati, non rivestiti, con materie prime naturali, per pareti interne esposte a sollecitazioni.

Campo di Applicazione

Grazie alla varietà di fantasie, tipologie, tonalità, gradi di brillantezza e tecniche di rivestimento, i tessuti murali Capaver Glasgewebe consentono di ottenere superfici preziose, di grande effetto e personalizzate. Capaver Glasgewebe è la soluzione semplice, rapida, efficiente e mirata per modificare l’aspetto delle pareti o per adeguare le superfici a nuovi requisiti di utilizzo.

Proprietà del materiale

  • Struttura dall’aspetto estremamente uniforme
  • Elevata resistenza all’acqua
  • Non rigonfiabile, resistente alla decomposizione e dimensionalmente stabile
  • Maschera le fessurazioni

Tipo di prodotto/Veicolo

I tessuti Capaver Glasgewebe classici (K) sono realizzati con fili minerali e in fibre di vetro.

Tipologie da poter spedire

Descrizione

Struttura tessuto

 Grammatura

Misure rotolo 

Rapporto 

1100 K fine ca. 135 g 50 x ca. 1 m
1132 K medio-fine ca. 155 g 50 x ca. 1 m
1142 K medio-fine ca. 110 g 50 x ca. 1 m
1152 K fine ca. 145 g 50 x ca. 1 m
2120 K strisce, media ca. 180 g 25 x ca. 1 m
2165 K spina di pesce, media ca. 195 g 25 x ca. 1 m ->I<- 1,6 cm
2170 K grossolana ca. 180 g 25 x ca. 1 m
2180 K doppio ordito, grossolana ca. 200 g 25 x ca. 1 m
2410 K media ca. 195 g 25 x ca. 1 m
2440 K diagonale media ca. 175 g 25 x ca. 1 m ->I<- 1,6 cm
2460 K losanga media ca. 190 g 25 x ca. 1 m ->I<- 9,2 cm
3185 K doppio ordito, molto grossolana ca. 240 g 25 x ca. 1 m

Imballaggi

Si veda tabella "Tipologie da poter spedire” – Unità di fornitura:  cartone singolo

Magazzinaggio

Conservare i tessuti d’arredo Capaver in un luogo asciutto.

Dati tecnici

Grammatura: si veda la tabella "Tipologie disponibili”

Prodotti supplementari

■ Capaver CapaColl GK

■ Capaver Gewebegrundierung

Supporti idonei

Superfici interne in intonaci minerali delle classi di malte PI, PII e PIII, intonaci di gesso e premiscelati della classe di malte  PIV, cartongesso, lastre in cartongesso, superfici in calcestruzzo.

Preparazione del substrato

Il supporto deve essere compatto, asciutto, portante, pulito, planare ed esente da eventuali sostanze distaccanti.

Preparazione del materiale

Applicazione del collante

Applicazione a rullo:
Con un rullo a pelo lungo 18 mm, applicare uniformemente Capacoll GK e, a seconda della temperatura del locale, preparare 1-2 teli.
Attenzione! Il collante deve essere distribuito in modo possibilmente uniforme, dato che gli accumuli di colla sotto il tessuto influenzano in maniera negativa l’aspetto della superficie.

Applicazione a spruzzo:
Per l’applicazione a spruzzo occorre l’impiego di almeno 3 persone.
Capacoll GK può essere applicato direttamente sulla parete nella variante Airfix con adeguati sistemi di applicazione a spruzzo.

Note importanti: con l’applicazione a spruzzo occorre fare particolare attenzione ai valori di consumo consigliati e alla distribuzione uniforme, onde evitare l’applicazione di una quantità eccessiva di collante sul supporto. Per informazioni dettagliate sull’applicazione a spruzzo di Capacoll GK si veda l’apposito "Manuale di applicazione a spruzzo”.

Attenzione! I tessuti con strutture molto fini (1142 K e 1152 K) non sono adatti a questo tipo di applicazione. Si consiglia di scegliere una delle modalità di incollaggio di cui sopra.

Metodo di applicazione

Incollaggio dei tessuti in fibre di vetro
Durante l’incollaggio, accertarsi che  il contrassegno del retro del prodotto sia rivolto verso la parete. Per evitare differenze nella struttura, non incollare mai il tessuto capovolto o rovescio. I tessuti Capaver devono essere accostati e incollati testa contro testa.

Nota Importante: I teli devono essere accostati quanto più possibile lungo i giunti. Occorre tuttavia escludere che si formi un rigonfiamento lungo i giunti di testa, con un risultato esteticamente imperfetto. All’altezza degli occhi occorre fare particolare attenzione affinché il filo orizzontale (filo di trama) dei teli, disposti l’uno accanto all’altro, corrisponda. In caso contrario si avrà uno sgradevole effetto a "cerniera”. Alcuni tipi di tessuto hanno un rapporto al quale occorre fare particolare attenzione nell’incollaggio.

I teli incollati vengono quindi stesi sul supporto con una spatola da tappezziere o un rullo, premendo in maniera sufficiente sull’intera superficie per eliminare le eventuali bolle d’aria. Una volta fissati gli spigoli, eliminare il materiale in eccesso con la spatola da tappezziere.

Suggerimento: Nell’incollare il tessuto su angoli esterni occorre stendere il telo in modo tale che il raccordo con il telo successivo sia ad almeno 10 cm dall’angolo. Per favorire l’adesione  agli spigoli di tessuti/tessuti non tessuti in fibre di vetro, si può passare, premendo, un disco levigatore bagnato del tipo P320 facendo attenzione a non danneggiare i teli.

Sistema di tinteggiatura del supporto

Strato intermedio:
Lo strato intermedio è la base di una finitura perfetta. Una volta posato ed essiccato il rivestimento, applicare lo strato intermedio nella stessa tonalità della finitura.

Strato di finitura:
La scelta della finitura ideale dipende dalle sollecitazioni cui è esposto il materiale e dal suo grado di brillantezza. Nella tabella "Ciclo applicativo” riportata qui di seguito sono elencati in modo sistematico i materiali da impiegare a seconda dell’entità delle sollecitazioni.

CICLO APPLICATIVO

Sollecitazione

Finitura

Mani

Brillantezza

Resistenza

NORMALE

CapaTrend Malerit 
E.L.F.
Sylitol Bio- Innenfarbe

2

MATT

- Classe 3 di resistenza all’abrasione umida secondo DIN EN 13 300

MEDIO-NORMALE

CapaMaXX MattLatex CapaSilan NespriSilan

2

MATT

- Classe 2 di resistenza all’abrasione umida secondo DIN EN 13 300

Indeko-plus

2

MATT

- Classe 1 di resistenza all’abrasione umida secondo  DIN EN 13 300

MEDIO-ALTA

Amphibolin

Latex Samt  10

2

SM

- Classe 1 di resistenza all’abrasione umida secondo  DIN EN 13 300

- Resistente ai disinfettanti acquosi

SeidenLatex

2

SGL

- Classe 2 di resistenza all’abrasione umida secondo  DIN EN 13 300

- Resistente ai disinfettanti acquosi

ALTA

Premium Clean

2

SM

- Classe 1 di resistenza all’abrasione umida secondo   DIN EN 13 300

- Resistente ai disinfettanti acquosi

Latex Satin 20

Latex 201 SG

2

SGL

- Classe 1 di resistenza all’abrasione umida secondo  DIN EN 13 300

- Resistente ai disinfettanti acquosi

Latex Gloss  60

2

GL

- Classe 1 di resistenza all’abrasione umida secondo  DIN EN 13 300

- Resistente ai disinfettanti acquosi

ESTREMA

Disbopox  447 E.MI Wasserepoxid

2

SGL

- Classe 1 di resistenza all’abrasione umida secondo  DIN EN 13 300

- Elevata resistenza a graffi e urti

- Resistente agli agenti disinfettanti

- Resistente agli agenti chimici

- Decontaminabile secondo DIN 25 415

Condizioni di applicazione

La temperatura minima per la posa è +5 °C sia per l’aria che per il supporto.

Essiccazione/Tempo di essiccazione

Lasciare asciugare completamente i teli incollati prima di rivestirli.

Nota

I tessuti murali Capaver sono sottoposti ad accurati controlli qualitativi prima della vendita. I prodotti possono presentare sporadici difetti di produzione, che si manifestano lungo la linea di taglio e adeguatamente compensati. Tali difetti non possono dare adito a reclami. In linea di principio, durante il taglio dei teli occorre accertarsi che il materiale non presenti difetti.

Eventuali contestazioni dopo la posa di più di 10 teli non potranno essere accolte.

In linea di principio occorre incollare alla parete il retro di un rotolo. Il lato visibile dopo la posa è il lato del rotolo rivolto verso l’esterno. Per evitare differenze nella struttura, non incollare mai il tessuto capovolto o rovescio. In caso di possibili reclami occorre conservare i numeri dei lotti e i codici e descrizioni degli articoli.

Certificati tedeschi

Certificati di prova e perizie 

■ Ignifugo secondo  DIN 4102,  B1

■ Ininfiammabile secondo DIN 4102,  A2

■ Decontaminabilità in combinazione con Disbopox  447 E.MI Wasserepoxid

Elenco delle classi di infiammabilità di Capaver Glasgewebe K

 

Finitura Classe di infiammabilità
(reazione al fuoco)
CapaTrend A2
Malerit E.L.F. A2
CapaMaXX A2
MattLatex A2
Indeko-Plus A2
CapaSilan A2
Sylitol Bio-Inennfarbe A2
Latex Samt  10 A2
Latex Satin  20 A2
Latex Gloss  60 A2
Amphibolin E.L.F. A2
Nespri®Silan B1
SeidenLatex B1
SG201 B1
Premium Clean B1
Disbopox  447 E.MI Wasserepoxid B1

Tutti i certificati di prova e perizie possono essere scaricati dall’area download del rispettivo prodotto sul sito www.caparol.de

Rischi particolari (Nota di pericolo) / Consigli di sicurezza (Stato alla data di pubblicazione)

I tessuti Capaver Glasgewebe classici (K) sono realizzati in fibre di vetro aventi diametro > 5 µm, pertanto non inalabili. Nonostante la struttura estremamente compatta, può accadere che il taglio del tessuto comporti un limitato rilascio di particelle di vetro che possono causare prurito nei soggetti particolarmente sensibili a livello cutaneo.  Il prurito scompare al termine dei lavori di incollaggio. In linea di principio, una volta applicato il rivestimento non si ha più alcun rilascio di fibre di vetro.

La struttura interna dei fili abbinata a un appretto ecologico consente di ottenere un’elevata resistenza all’acqua, una superficie chiusa, un’elevata morbidezza e dermocompatibilità durante l’applicazione.

I tessuti Capaver Glasgewebe K non rappresentano una soluzione al problema delle crepe dinamiche.

Smaltimento

I tessuti e tessuti non tessuti Capaver Glasgewebe possono essere smaltiti come rifiuti di cantiere.

Assistenza tecnica

La presente scheda non può riportare ogni situazione  riscontrabile nella pratica e il relativo trattamento.

Contattare l’azienda o il nostro servizio vendite qualora  sui tessuti Capaver Glasgewebe si intenda  eseguire dei lavori di tinteggiatura non riportati nella presente Scheda Tecnica. Saremo lieti di fornire informazioni specifiche e dettagliate in merito.

Schede Tecniche

  • Scheda Tecnica
  • Documentazione Tecnica

  • Capitolato Capaver Glasgewebe Plus