Disbopox 442 GaragenSiegel con Carbonio

Finitura epossidica bicomponente rinforzata con fibra di carbonio per pavimenti di garage a basso traffico, depositi e cantine. Emissione mimime, testata TÜV.

Campo di Applicazione

Per superfici minerali e massetti in asfalto duro all’interno, con sollecitazioni da carichi ridotte e medie, settore privato, industriale e commerciale. Pavimenti di garage, cantine per biciclette, locali lavanderia e sanitari. Grazie alle bassissime emissioni, valutate dal TÜV, è indicato per aree sensibili quali scuole, asili, strutture ospedaliere, ambienti con presenza di alimenti.

Proprietà del materiale

  • Elevata resistenza all’urto
  • Facilmente pulibile
  • Eccellente resistenza all'attrito
  • Minima usura
  • Permeabile al va­po­re ac­queo
  • Buona resistenza ai pro­dot­ti chi­mi­ci
  • Resistente a pneumatici - resistente alla migrazione di pla­sti­fi­can­ti
  • Ecologica perché a base acqua
  • A basse emissioni, approvazione e controllo TÜV delle sostanze nocive
  • Idonea HACCP

Testato secondo i criteri di test AgBB per le emissioni di COV dei materiali da costruzione in ambienti interni. I criteri del AgBB - Commissione per la valutazione sanitaria dei materiali da costruzione - vengono elaborati dalle autorità sanitarie e ambientali per l'utilizzo di materiale da costruzione in aree delicate sensibili.

Tipo di prodotto/Veicolo

Resina epossidica bicomponente a base acqua.

Imballaggi

Confezioni da 5 e 10 kg.

Colori

Tinteggiabile col sistema ColorExpress.

Variazioni di tonalità e fenomeni di sfarinamento sono possibili sotto l’influenza dei raggi UV e degli agenti atmosferici. Coloranti organici (p.es. nel caffè, vino rosso o foglie) nonché diversi prodotti chimici (p.es. disinfettanti, acidi e altri) possono provocare variazioni di tonalità. Ciò non influisce in alcun modo sulla funzionalità.

Opacità

Lucido.

Magazzinaggio

Il prodotto è confezionato in idonei imballi. Ogni confezione è specificatamente etichettata e riporta il codice di produzione che identifica l’impianto e il periodo di produzione. Il prodotto deve essere tenuto al fresco, ma al riparo dal gelo, nelle confezioni originali ben chiuse. Nelle confezioni originali sigillate la stabilità è garantita per due anni. Se stoccato a basse temperature, porre a +20°C per il periodo precedente all'applicazione.

Densità

Ca. 1,4 kg/l

Spessore del film secco

Ca. 35 µm/100 g/m2

Resistenza alla diffusione del vapore acqueo

µ = 20.000

Abrasione al Taber (CS10/1000 U/1000)

66 mg/30 cm2

Resistenza chimica

Secondo DIN EN ISO 2812 a 20 °C
 7 Giorni
Sol. Acido acetico 5%+ (D)
Sol. Acido cloridrico 10%+ (D)
Sol. Acido solforico 20%+ (D)
Sol. Acido nitrico 10%+ (D)
Soluzione ammoniacale 25%+
Xilene (Xilolo)+
Fluidi test gruppo 5+
Liquido antighiaccio+
Petrolio/Benzina DIN 51600+
Fluidi test gruppo 4+
Skydrol (fluido idraulico)+
Olio Shell Diala ( riquido refrigerante trasformatori)+
Legenda:
+ = Resistente, (D) = Scolorimento
 secondo principi di costruzione e di prova per la protezione delle acque (DIBt Germania) 

Supporti idonei

Tutti i fondi minerali posti all'interno (calcestruzzo, massetti di cemento, anidrite, magnesite) e massetti di asfalto duro.
Il supporto deve essere portante, stabile, solido, pulito ed esente da parti sgretolate, polvere, oli, grassi, abrasioni da pneumatici (frenate) e altre sostanze che potrebbero causare una non adeguata adesione. Su substrati di tipo cementizio, arricchiti con resina sintetica, va verificata l’idoneità del prodotto mediante test su superfici di prova. La resistenza a trazione della superficie del fondo deve essere > 1,5 N/mm2. I supporti devono aver raggiunto la loro umidità di compensazione secondo i seguenti valori massimi (in peso):
- Calcestruzzo e pavimento continuo in cemento: 5%
- Pavimento continuo in anidrite: 1%
- Pavimento in magnesite: 2-4%
- Pavimento cont. in xilolite 4-8%
I pavimenti continui in asfalto duro vanno rivestiti solo all’interno. Essi devono corrispondere almeno alla classe di durezza IC 15 e non devono deformarsi alla temperatura di utilizzo e alle condizioni di carico meccanico.

Preparazione del substrato

Preparare il fondo con interventi idonei, p.es. sabbiatura/pallinatura o fresatura, in modo da soddisfare i requisiti indicati. Superfici non portanti o fortemente contaminate, p.es. sporche di oli, grassi, abrasioni di gomma ecc. o che mostrano uno strato farinoso o vetroso, vanno preparate con accurate e idonee operazioni meccaniche. Per superfici più piccole ciò può avvenire manualmente mediante bocciardatura oppure con la pistola sparachiodi. Trattare accuratamente in particolar modo tracce di sosta e di corsa dei pavimenti di garage vecchi. Trattare le macchie d’olio con idoneo pulitore sgrassante.
Rimuovere vecchi strati di vernici monocomponenti e rivestimenti bicomponenti non solid/istabili. Superfici vetrificate e rivestimenti bicomponenti stabili devono essere pulite, levigate/irruvidite rendendole opache. In alternativa applicare una mano di Disbon 481 EP-Uniprimer. Riparare cavità o imperfezioni con malte adatte della serie Disbocret, riempiendole a filo della superficie.

Preparazione del materiale

Mescolare la base, aggiungere l’indurente e miscelare i due componenti con agitatore meccanico lento (max. 400 giri/min) fino ad ottenere una massa dal colore omogeneo. Versare in un recipiente pulito e quindi miscelare ancora accuratamente.

Rapporto di miscelazione

Base : indurente = 84 : 16 (parti in peso).

Metodo di applicazione

Pennello, rullo o idonei sistemi di spruzzatura.

Ciclo di applicazione

Mano di fondo
Fondi minerali nuovi, poco assorbenti possono essere trattati con una mano di fondo con Disbopox 442 GaragenSiegel, diluita con 5-10% d’acqua. L'applicazione della mano di fondo deve essere sempre eseguita accuratamente con pennello idoneo.
Nota: Aplanarità, residui o bave potrebbero delinearsi sulla superficie nonostante la sabbiatura. Eseguire eventualmente una levigatura intermedia.

Mano intermedia/Finitura
Applicare la mano intermedia e di finitura senza diluizione. Diluire eventualmente la mano intermedia con il 5% di acqua nel caso la superficie fosse ricoperta con residui di sabbia. In presenza di un cambio di colore estremo e colori molto intensi (p.es. utilizzo dalla Base 3) potrebbe essere necessaria una terza mano in caso di esigenze estetiche molto elevate.

Consumo/Resa

Mano di fondo
Fondi minerali / Massetti di asfalto duro: ca. 200 g/m2
Stuccatura graffiata
Per superfici piane leggermente ruvide: ca. 1,1 kg/m2/mm
Rivestimento
ca. 230-250 g/mper mano

Determinare i valori di consumo esatti mediante prove campioni sulla costruzione. Il consumo della sigillatura di copertura sui rivestimenti cosparsi varia in dipendenza dalle influenze di temperatura, dal tipo d’applicazione, dagli attrezzi nonché dai differenti materiali di spargimento.

Lavorabilità

A 20°C e 60% umidità relativa, circa 90 minuti. Alte temperature diminuiscono l'intervallo, basse temperature lo allungano.
Evitare l'applicazione di strati abbondanti di materiale in un'unica passata (maggior consumo). Prevedere una ventilazione adeguata durante l'essiccazione e l'indurimento.

Condizioni di applicazione

Temperatura del materiale, dell'ambiente e del supporto: min. 10°C e max. 30°C durante l'applicazione e l'essiccamento. Umidità relativa non superiore a 80%. La temperatura del supporto dovrebbe essere sempre almeno 3°C sopra la temepratura di rugiada.

Tempo di attesa

Almeno 16 ore e massimo 48 ore tra le varie mani/applicazioni a 20°C. Nel caso di lunghe pause la superficie dovrebbe essere irruvidita/sabbiata prima di procedere. Alte temperature diminuiscono il tempo di attesa, basse temperature lo allungano.

Essiccazione/Tempo di essiccazione

A +20° C e U.R. 60%, lavorabile dopo circa 1 giorno; sollecitabile/caricabile dopo 3 giorni; completamente essiccato dopo circa 7 giorni. In presenza di temperature più basse e/o di umidità dell'aria più elevate i tempi indicati possono aumentare considerevolmente. Durante il processo di esscciamento (ca 24 ore a 20 °C), il rivestimento dovrebbe essere protetto da umidità/condensa per evitare difetti e una non corretta adesione sul supporto.

Pulizia degli utensili

Subito dopo l'uso o in caso di lunghe pause, con acqua/acqua tiepida e sapone.

Applicazione con sistema di spruzzatura

Airless (senza filtri)
Pressione min. 50 bar; Ø ugello 0,015 – 0,017",;angolo di spruzzatura 45°.
Ripassare con un rullo dopo l'applicazione.

Indicazioni di pericolo/Consigli di prudenza (Stato alla data di pubblicazione)

Base: Tenere fuori dalla portata dei bambini. In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l'etichetta del prodotto. In caso di contatto con gli occhi, lavare immediatamente e abbondantemente con acqua. In caso di contatto con la pelle, lavarsi immediatamente e abbondantemente con acqua e sapone.   Scheda dati di sicurezza disponibile su richiesta.
Indurente: Provoca irritazione cutanea. Provoca grave irritazione oculare. Può provocare una reazione allergica cutanea. Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Evitare il contatto con gli occhi, la pelle o gli indumenti. Non disperdere nell'ambiente. Utilizzare il dispositivo di protezione individuale richiesto. IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: Lavare abbondantemente con acqua e sapone. IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare. Contiene componenti epossidici. Può provocare una reazione allergica. Uso ristretto agli utilizzatori professionali.




Smaltimento

Dopo l'utilizzo non disperdere i contenitori nell'ambiente. Smaltire il prodotto/recipiente in conformità alla regolamentazione locale/nazionale. Conferire i contenitori con residui di prodotto liquido ai punti di raccolta rifiuti per pitture e smalti. Smaltire residui di prodotto indurito nei punti di raccolta di sfridi/materiali edili.

Valore limite Europeo per il contenuto in VOC

di questo prodotto (Cat.1/j): 140 g/l. Questo prodotto contiene al massimo 20 g/l VOC.