Prodotti | Cicli di risanamento e p... | Protezione anticarbonata... | Disbocret 519 PCC Flex-S...

Disbocret 519 PCC Flex-Schlämme

Malta cementizia elastica a molteplice utilizzo; estremamente resistente, per la copertura di fessure, impermeabile all’acqua, per la protezione anticabonatazione del calcestruzzo. Omologazione secondo ZTV-ING, TL/TP OS-D I e OS-D II

    Campo di Applicazione

    Malta cementizia in dispersione per la copertura di fessure, per la protezione contro la penetrazione di sostanze nocive e acqua su calcestruzzo nuovo, vecchio e restaurato. Anticarbonatazione a nroma DIN.

    Impermeabilizzazione alternativa contro acqua non sotto pressione (DIN 18195 T 5), p.es. in zona esposta agli spruzzi d’acqua.
    Per la configurazione dello strato barriera al vapore nell’ambito del sistema d’isolamento per pareti interne INTHERMO.

    Proprietà del materiale

    • Riparazione di crepe superficiali fino ad uno spessore di 0,3 mm
    • Riparazione di crepe dinamiche fino ad uno spessore di 0,1 mm
    • Facile applicazione
    • Resistente agli alcali
    • Resistente agli agenti atsmoferici
    • Eccellenti doti di idrorepellenza nei confronti dell’acqua liquida
    • Buona traspirabilità verso il vapore acqueo
    • Barriera di protezione verso l’anidride carbonica e l’anidride solforosa
    • Soddisfa i requisiti delle norme EN 1504-2 e DIN V 18026: sistemi di rivestimenti superficiali per calcestruzzo

    Tipo di prodotto/Veicolo

    Malta cementizia bicomponente modificata con polimero.

    Imballaggi

    Malta in polvere: sacco da 20 kg.
    Lattice sintetico: confezione da 9 litri.

    Colori

    Grigio-bianco.

    Magazzinaggio

    Il prodotto è confezionato in idonei imballi. Ogni confezione è specificatamente etichettata e riporta il codice di produzione che identifica l’impianto e il periodo di produzione. Il prodotto deve essere tenuto al fresco, ma al riparo dal gelo, nelle confezioni originali ben chiuse.
    Componente
    liquida (liquido per impasto): stabilità di magazzinaggio di almeno 6 mesi.
    Componente polvere (malta asciutta): almeno 6 mesi dalla data di produzione, 6 mesi.

    Densità

    Ca. 1,7 g/cm3

    Spessore del film secco

    Ca. 590 µm/1 kg/m2

    Resistenza alla diffusione del vapore acqueo

    µ = 1.600

    Resistenza alla diffusione della CO2

    µ = 110.000

    Diffusione del vapore - spessore di aria equivalente sd

    Ca. 3,2 m (per uno spessore secco di 2000 µm)

    Diffusione della CO2 - sepssore di aria equivalente sd

    Ca. 230 m: C1 (per uno spessore secco di 2000 µm)

    Permeabilità all'acqua (valore w)

    <0,01 kg/(m2· h0,5): classe W3 (basso) secondo DIN EN 1062

    Supporti idonei

    Calcestruzzo normale e pesante, stucchi e malte della serie Disbocret®, intonaci minerali e vecchi rivestimenti. I prodotti per il livellamento a base cemento, arricchiti con resina sintetica, vanno verificati mediante prova pratica.
    La resistenza allo strappo del fondo in media deve essere ≥ 1,0 N/mm2, il più basso valore singolo
    deve essere di 0,5 N/mm2.
    INTHERMO HFD-Armierungsmasse e INTHERMO HFD-Interior-Clima.

    Preparazione del substrato

    Fondi minerali:
    Il fondo deve essere pulito ed esente da sostanze che potrebbero inibire una corretta adesione (p.es. oli, grassi): esse vanno eliminate con idoneo trattamento. Eliminare contaminazioni molto forti, come p.es. vegetazione di muschio e alghe, cemento vetrificato non stabile. Il fondo deve essere esente da sostanze che favoriscano la corrosione (p.es. cloruri).

    Fondi rivestiti:
    Verificare che i vecchi rivestimenti siano sufficientemente portanti e possano garantire una buona adesione. Eliminare le parti non perfettamente aderenti e i rivestimenti elastici in dispersione. Pulire i vecchi rivestimenti portanti, ben aderenti e non sfarinanti.
    Poiché nella pratica possono presentarsi differenti tipi di rivestimenti esistenti, occorre eseguire preventivamente una prova campione.

    Scheggiature, pori e cavità:
    Per ottenere un rivestimento protettivo uniforme e sufficientemente spesso, è necessario riparare scheggiature, crepe, aplanarità, rugosità, pori e cavità con materiali del sistema Disbocret®secondo la prescrizione d’impiego del produttore. Disbocret® 519 PCC-Flex-Schlämme è in grado di chiudere e livellare piccoli pori e rugosità.

    Crepe:
    Se necessario, trattare crepe (≥ 0.3 mm) secondo DIN 18 540.

    Preparazione del materiale

    Versare il liquido per impasto in un recipiente. Aggiungere un po’ alla volta tutto il contenuto del sacco, miscelando accuratamente con un agitatore adeguato (max. 400 giri/min) fino a raggiungere una malta omogenea.

    Rapporto di miscelazione

    1 parte di malta asciutta: 0,45 parti di liquido per impasto (in peso).
    Le confezioni disponibili, come consegnate, sono già preparate in proporzione d'uso.

    Metodo di applicazione

    Applicare la malta con attrezzo adeguato, cazzuola per lisciare o spazzola. Eseguire una stuccatura preliminare su fondi porosi, usando poco materiale ed esercitando movimenti di ritorno. Dopo un tempo di attesa di ca. 5 ore è possibile applicare la seconda mano. Per ottenere una superficie con struttura omogenea con l’applicazione manuale è consigliabile spianare la superficie con una spazzola morbida dopo l’applicazione a cazzuola, generando così una struttura di tipo pennellato. Il materiale può essere applicato anche con il sistema di spruzzatura a umido mediante una pompa a vite globoidale e ruota a vite (p.es. PFT N2V9).

    Diluizione

    Secondo il metodo d’applicazione, fondo e condizioni atmosferiche è possibile una diluizione con max. 2% d’acqua. Per l’applicazione a spruzzo, in caso di necessità, diluire con max. 1- 2% d’acqua per regolarne la consistenza.

    Spessore per mano

    Per una protezione efficace della superficie sono necessari almeno 2000 µm di spessore secco.

    Resa

    Consumo di ca. 1,7 kg/mm/m², secondo il potere assorbente e la ruvidità del supporto. Il valore riportato deve considerarsi indicativo poiché l'esatto consumo va determinato mediante applicazione di prova.

    Lavorabilità

    A 20°C circa 3 ore.

    Condizioni di applicazione

    Temperatura minima per l’applicazione: +5°C, massima: +30°C (aria, supporto, prodotto). Umidità relativa massima consentita: 80%.
    Non applicare sotto l'azione diretta del sole, su superfici calde, in presenza di forte vento, pioggia, nebbia, pericolo di gelate notturne e in generale con temperatura inferiore a + 5° C (aria, supporto, prodotto). Utilizzare nel caso dei teloni protettivi.

    Essiccazione/Tempo di essiccazione

    A 20°C e 65% di umidità relativa dell’aria: asciutto fuori polvere dopo ca. 12 ore, resistente alla pioggia dopo ca. 5 ore e ricopribile dopo ca. 48 ore.

    Strumenti di pulizia

    Con acqua, subito dopo l'utilizzo.

    Certificati tedeschi

    • 4-1084: Approvazione secondo ZTV-ING, TL/TP, OS B, P 2134/00-71 Polymer-Institut, Flörsheim
    • 4-1085: Approvazione secondo ZTV-ING, TL/TP, OS C, P 2134/00-72 Polymer-Institut, Flörsheim
    • 4-1086: Approvazione secondo ZTV-ING, TL/TP, OS C, P 2134/00-76 Polymer-Institut, Flörsheim

    Rischi particolari (Nota di pericolo) / Consigli di sicurezza (Stato alla data di pubblicazione)

    Malta in polvere:
    Provoca irritazione cutanea. Provoca gravi lesioni oculari. Può irritare le vie respiratorie. Non respirare la polvere/la nebbia. Evitare il contatto con gli occhi, la pelle o gli indumenti. IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare. Consultare un medico. IN CASO DI INGESTIONE: sciacquare la bocca. NON provocare il vomito.

    Lattice sintentico:
    Conservare fuori dalla portata dei bambini. In caso di contatto con gli occhi, lavare immediatamente con acqua. In caso di applicazione a spruzzo non inalare la nebbia di spruzzatura. Non lasciar penetrare il prodotto nella canalizzazione, nelle acque o nel terreno.

    Smaltimento

    Il prodotto e il suo imballo devono essere smaltiti in accordo con le vigenti normative locali. Porre particolare attenzione nel caso di smaltimento di sfridi di materiale in cantiere: attenersi alle procedure standard previste.
    Riciclare solo contenitori vuoti e puliti. Smaltire residui di materiale secchi come rifiuti di costruzione e demolizione.

    Valore limite Europeo per il contenuto in VOC

    di questo prodotto (cat. A/c): 40 g/l (2010). Questo prodotto contiene, al massimo 1 g/l VOC.